La fine del proibizionismo farà risparmiare 88 miliardi di dollari.

Questa infatti è la conclusione riportata dagli economisti di Harvard Jeffrey Miron e Katherine Waldock nel saggio The Budgetary Impact of Ending Drug Prohibition (L’impatto monetario della fine del proibizionismo sulle droghe) , appena pubblicato dal Cato Institute.

In particolare, secondo i due emeriti economisti, gli Stati Uniti risparmierebbero subito 41.3 miliardi spesi nella lotta al narcotraffico: 15.6 dal governo centrale, 25.7 quale somma erogata dagli stati membri. In seguito, un introito pari a 8.7 miliardi potrebbe derivare dalla legalizzazione della marijuana e 32.6 miliardi da quello delle altre droghe illegali, per un totale di imposte di 46.7 miliardi di dollari.

Il documento completo è scaricabile qui.